Sport

logo_pierrinsportivo
Anno 2°  2008/2009 n.° 07 del 29/10/08

Euro Cesanense: una bella Vittoria scaccia crisi.     
Euro Cesanense - Montemarciano   2 - 0

Una settimana da incorniciare per i ragazzi di Guiducci che, dopo la prima vittoria in trasferta nel recupero di mercoledì, trova anche la prima vittoria casalinga contro il Montemarciano.
La posizione in classifica è ancora preoccupante ma le due consecutive vittorie danno fiducia al mister per aver trovato l'equilibrio dei reparti e tolto le paure ai giocatori.
La squadra messa in campo comincia ad essere molto vicina ( 9 su 11) alla formazione ideale del pubblico che prima vedeva un centrocampo debole e non equilibrato. Grande prova di tutti i giocatori, con una lode ad Orlandi e Rosa per i chilometri percorsi ed al subentrante Secchiaroli per il misto velocità/tecnica con cui ha messo in difficoltà gli avversari.
Dopo un primo quarto a favore degli ospiti soprattutto per il possesso palla, il centrocampo dell'Euro riusciva ad invertire la supremazia territoriale ma il capitano Paci, Feduzi e Rosa non riuscivano a capitalizzare.
Dopo il 60' con l'ingresso del giovane fantasista Secchiaroli i pericoli per la squadra ospite cominciavano ad essere più frequenti. Il meritato vantaggio arrivava su autorete di Greganti al 70', ed il raddoppio con Rosa, dieci minuti dopo, quando al volo, di piatto, finalizzava un bel cross di Orlandi.
Voglio fare i complimenti alla squadra ed al numeroso pubblico di Montemarciano per la loro correttezza e la loro sportività, elogiando gli "ultra del lato Nord" che per tutta la gara hanno sostenuto la loro squadra con canti, bandierine e tamburi, senza mai offendere gli avversari e l'arbitro. Pannella & soci, prendetene esempio!  

Pianaccio calcio a 5 serie C2: un'altra perla da tre punti
Alma Juventus Fano - Pianaccio   1 - 3

Dopo oltre un anno d'imbattibilità interna, l'Alma Juventus Fano cede alla matricola Pianaccio che immagazzina tre preziosissimi punti sempre in ottica salvezza.
Ad aprire le marcature per gli ospiti è Dominici ( cioè io ) e dopo il momentaneo pareggio locale arriva il guizzo del solito Nesat a chiudere la prima frazione sull'1 - 2.
E' ancora quest'ultimo, nella ripresa, a frenare gli arrembanti tentativi al pareggio dei locali finalizzando una pregevole azione corale con la terza rete.
A fare la differenza sono state ancora una volta le prodezze del portiere D' Angeloantonio oltre la grinta ed il cuore, che da sempre, caratterizzano gli uomini del mister Gurini.                                      

Suro                                                          

Dopo aver assistito a diverse gare in cui non si è eseguito il "terzo tempo" cioè il saluto finale a centrocampo, per rissa e musi lunghi, finalmente a Fano, c'è stato addirittura il "quarto tempo", un grande esempio di sportività.
Mi è stato infatti riferito, sempre dall'inviato in campo, che al termine della gara, la società Alma Juventus Fano, nonostante la sconfitta, ha invitato l'intera squadra ospite a mangiare con Loro la pizza ricevuta in offerta da un Ristorante.
Questi esempi di sportività vanno riportati a carattere cubitali per bilanciare i fatti di maleducazione e di violenza che troppo spesso si leggono sui giornali sportivi e perché vengano imitati da altre squadre. Conoscendo il Presidente Montesi, sempre attento a questi gesti di sportività, credo che non si fermi solo a ricambiare la cortesia all'Alma ma ne farà tesoro per altre occasioni.

Pianaccio calcio a 5 Coppa Marche : Ottavi di finale
Pianaccio ( C2 ) - Futsal Makkia Urbino ( C1 )  1 - 3

Dopo gli arbitri somarelli e somaroni, finalmente un arbitro bravo, peccato che era in "malafede" , cioè di parte.
Non so quale rapporto ci fosse tra Lui e la squadra ospite, ma questa sera l'arbitro è stato bravo ed attento ad orientare il risultato a favore degli ospiti non solo con piccoli errori. Io, che in questo numero ho lodato la sportività, sono stato tentato al lancio dell'unica cosa che avevo tra le mani, il telefonino, poi ha prevalso il mio buon senso, ma è stata dura tenere le mani in tasca e il grido "venduto" in gola.
La cronaca vede gli ospiti in vantaggio contro un Pianaccio sceso in campo con una formazione inedita, che poi con l'inserimento di qualche titolare riusciva con Nesat a pareggiare i conti.
L' Urbino già di suo più forte riesce a chiudere la frazione in vantaggio con un gol viziato di un mani nel  controllo della palla visto sia dall' arbitro che da tutta la tribuna.
Nel secondo tempo dopo diverse occasioni per entrambe le squadre salvate dalle ottime prestazioni degli estremi difensori e dopo il tiro libero di Righetta sul palo, con il calo fisico dei locali arriva il terzo gol degli ospiti a chiudere la gara.
C'è il ritorno ad Urbino ma questo risultato forse interrompe  il sogno del Pianaccio in Coppa.

Pierpiero