Sport

logo_pierrinsportivo
Anno 3°2008/2009 n.°21 del 11/02/09

 

Euro Cesanense : un fiore non fa Primavera ma due si!
Euro Cesanense - Chiaravalle    1 - 0  ( Berardi )

Il terzo successo consecutivo, ottenuto contro una buona squadra, oltre a migliorare la classifica dovrebbe dare a Paci & C. una maggior fiducia della propria forza, dote indispensabile per il proseguo del campionato. Le assenze, il turnover o le scelte del Mister, lasciano Rosa e Zenobi  in panchina e fanno rientrare Gallotta e Feduzi titolari. Il campo si presenta sempre più disastrato, non solo per le piogge e l'utilizzo sbagliato, ma anche per un disastroso modo di custodirlo. Il campo sportivo è in realtà un prato e per la sua cura abbisogna di un appassionato contadino, il gestore attuale purtroppo, non per sua colpa, non è né un appassionato né un contadino.

gallotta berardi
Gallotta Rodolfo Berardi Matteo

Il Chiaravalle incurante delle condizioni del campo prova a giocare e qualche volta lo fa anche bene ma la sua supremazia dura per la prima mezz'ora. Con il calare delle forze degli ospiti l' Euro si fa più intraprendente e sposta il baricentro più in avanti ma anch'essa senza creare particolari azioni pericolose e  degne di cronaca. Ad inizio ripresa è ancora l'Euro a fare maggior pressione ed al 64' viene premiata dal gol che risulterà valere  tre punti. A realizzarlo è Berardi calciando dal limite, forte ed a fil di palo, una respinta  da calcio d'angolo. Poi dopo l' immediata e scontata reazione degli ospiti con due o tre pericoli per Panìco, il rigore sbagliato da Paci, che poteva rendere più meritevole la vittoria e tanta ansia fino al fischio finale. A furor di popolo rettifico la paternità della rete col Brugnetto data nel mio dubbio amorevolmente al Capitano per assegnarla con le mie scuse a Berardi.

Pianaccio: una facile passeggiata sul Colle...marino.
Pianaccio - Collemarino  6 - 2
Reti: Fradelloni (P), Mordenti (C), Rosa (P), Gurini (P), Fiorini (P), Dominici (P), Ascoli (C), Fradelloni(P)

Più facile del previsto superare il Collemarino per la squadra di Gurini che nell'occasione  da maggior spazio a quelli che avevano giocato meno. Partono bene i locali che dopo un palo di Dominici, su assist di Darretta,e la traversa di Fradelloni, è questo ultimo all' 8' a superare l'avversario diretto ed a mettere in rete. Segue una fase di stallo, a dire il vero un po' bruttina, nella quale al 16' Mordenti su azione da angolo porta il Colle in parità. Il Pianaccio riassesta la squadra e con il lob di Rosa ed il colpo di testa di Gurini, fa capire chi, in questa partita è il gatto e chi il topo. Al 27' un doppio mancato fair play, il primo dal Colle che con un giocatore avversario a terra continua il gioco, il secondo, nella stessa azione, da parte locale per lo stesso motivo, porta Fiorinii a segnare il quarto gol. A parte la sportività, dov'era l'arbitro, per non fermare il gioco dopo due falli e due giocatori a terra? Assente, allora, come in tutta la partita. Nei minuti finali del primo tempo ancora emozioni per la seconda rete ospite con un tiro dalla distanza di Ascoli in cui Antinori non è esente da pecche, e per la quinta rete realizzata all'ultimo secondo con la complicità di deviazioni da Dominici. Del secondo tempo si può ricordare solo la seconda rete personale di Fradelloni, con un sinistro forte e preciso da posizione defilata e la parata di Antinori sul tiro libero degli ospiti. C'è da esultare per l' obbiettivo salvezza ottenuto con ampio margine di tempo ma se fossimo riusciti a non farci raggiungere nei finali di quelle ultime due trasferte, ora potevamo con maggior entusiasmo lottare per il traguardo del sogno.

Mirko D'Angelantonio ha scritto su Facebook alle 12.10 dell' 8 Febbraio riferendosi all'arbitro:
"Indisponente come ogni articolo che scrive PierPiero....io non so perchè si accanisce tanto contro la nostra squadra...dal momento che legge qui spero che ci risponderà nei suoi articoli....son curioso..."

Carissimo Mirko, premesso che Piero è orgoglioso di te, di Gurini, del Presidente, come di  tutto il team Pianaccio per le doti, l'impegno ed i risultati ottenuti, ma PierPiero deve, per lo spirito per cui scrive e per cui è pagato, essere indisponente. Perciò il termine usato "indisponente", che ha valore negativo per l'arbitro, è stato un grande elogio per PierPiero perché significa il raggiungimento del suo fine. A legger il Pierrin Sportivo sono pochi e se PierPiero raccontasse la telecronaca perfetta e minuziosa della vostra migliore prestazione, a leggere l'articolo sul sito sarebbero uno meno di nessuno. Devi sapere che nella società moderna non è importante parlare bene o parlare male di una persona, è importante che se ne parli, in questo caso che se ne scrivi. Avendoti tolto la curiosità spero che continuerai a leggere il mio Pierrin Sportivo con lo spirito giusto e per lo stesso concetto sopra detto ti chiedo di continuare a contro criticare i miei commenti.


Pianaccio Rosa : da una onorevole ad una deplorevole sconfitta
Real Filottrano - Pianaccio  32 - 0

marcolino_082web

E' bastato la mancanza di calore del pubblico , qualche assenza importante, poco impegno ed incontrare la prima in classifica per passare da una onorevole ad una deplorevole sconfitta.
Già era capitato di ritornare da una trasferta con  una cesta di gol, ma quelli presi a Filottrano erano talmente tanti che, per capienza del pulmino, o si riportavano le atlete o i palloni incassati.
Il dirigente accompagnatore Principi ha detto a fine partita: "non ci sono parole per commentare il risultato e l'approccio alla gara".
Quindi pensavamo che la ragione avrebbe consigliato i Dirigenti a caricare i palloni  lasciando a piedi le atlete, ma "gatta ci cova", perché il Presidente ha agito col cuore portandole addirittura al ristorante prima di riportarle a casa. Sabato arriva l'Acli Villa Musone, cioè la squadra della prima miracolata vittoria, speriamo che questa volta si possa festeggiare senza dividere i meriti con le intercessioni sopranaturali.

Pierpiero