Sport

logo_pierrinsportivo
Anno 3°2008/2009 n.°22 del 18/02/09

Euro Cesanense : dopo la Primavera nessuno avrebbe previsto  la gelata di Montemarciano !
Montemarciano - Euro Cesanense    2 - 0 

I tre successi consecutivi avevano fatto credere che per l'Euro Cesanense era arrivata una primavera anticipata ma come è successo con le condizioni climatiche, neve e ghiaggio nella notte, anche nel calcio è arrivata una brutta gelata. Se si escludono le assenze di Rosa e Gallotta squalificati e di Ambrosini acciaccato, con il ritorno di Federici, il Mister aveva a disposizione la squadra al completo, quindi sue le scelte e sue le responsabilità di questa sconfitta. Si può forse recriminare per l'errore iniziale di Secchiaroli, e per gli errori sottoporta di Manoni, Paci & C. prima del raddoppio del Monte e poi nel finale con il risultato compromesso, ma troppo poco in 90 minuti di gioco. Come detto dopo la palla gol sciupata da Secchiaroli sono i locali a prendere in mano il gioco per tutto il primo tempo ed a mettere in evidenza le doti di Panìco, che nulla può ad inizio ripresa sul rigore trasformato da Giorgini. Solo dopo il raddoppio di Cingolani al 67' l' Euro ha la vera reazione d'orgoglio ma come detto l'imprecisione dei nostri attaccanti e la buona prestazione del portiere locale Zingaretti non portano a variare il risultato. Ora dopo la sosta per il tradizionale Carneval Cartoons di San Michele ci aspettano due brutte gatte da pelare, il Dorica Torrette in casa, e la trasferta di Corinaldo. Speriamo che la squadra riesca a tirar fuori gli artigli e "gli attributi maschili" per non uscirne completamente spelacchiati.

Pianaccio: una partita d'annali per il capitano
Olimpia Cuccurano - Pianaccio  4 - 6 ( 2 - 3 )
Reti per il Pianaccio: Dominici, Rosa, Gurini, Dominici, Dominici, Dominici

Nell'ultima partita casalinga è stato esposto, dalla fan preferita di Dominici un simpatico manifesto con il motto " 6 come 6 " che voleva simboleggiare il suo numero di maglia, i  gol fatti e forse anche altro. Dopo la gara del capitano in quel di Cuccurano propongo di variare quel motto con il seguente " 6 come 6 ... + 4 = 10 e lode" in onore alla quaterna segnata. Entrambe le squadre, anche se con motivazioni diverse, cercavano la vittoria come unico risultato positivo. Ne è scaturita una gara aperta e ricca di occasioni, dove il Pianaccio sostenuto da un miglior gioco di squadra è riuscito a infilare due reti in più degli avversari. Tre punti importanti per la corsa ai play off, un immaginario sogno che non è lontano dalla realtà.

Pianaccio Rosa :  hanno toccato il fondo

Pianaccio - Acli Villa Musone  1 - 3

Dalla gara casalinga con l'Acli Villa Musone non mi aspettavo il miracolo dell'andata perché questi sono rari e non è giusto sprecarli per una gara di calcio, ma mi attendevo una prova d'orgoglio soprattutto per riscattarsi dalla deludente e disonorevole sconfitta di Filottrano. Invece anche oggi squadra svogliata, fiacca e sconclusionata. Solo nel secondo tempo a risultato compromesso le atlete locali hanno cercato di graffiare con dei timidi artigli da gatte, cioè da innocui felini, ma non hanno mai usato le zampe da leonesse e mostrato le fauci da " fiere ".  Dopo un risultato così deludente poco importa che le reti ospiti sono state segnate dalla Pesaresi al 18', dalla Del Vicario al 40' e dalla Trapani in contropiede al 58' e che la rete locale,che sembrava aver riaperto la gara, è stata segnata su forte e precisa punizione della Gregorini al 50'.

Pianaccio - Dolphins  0 - 26

Da questa partita, che vedeva la nostra squadra, che ha subito fin ora 156 reti con una media partita di oltre 9 ed un record di incasso gara di 32, contro la seconda in classifica, la più prolifica con un quorum di 202 reti fatte, cioè una media gara di  12  ed un record stagionale di 23, ci si aspettava ben poco. Le 26 reti incassate oltre ai numerosi legni colpiti, rispecchiano giustamente il divario tecnico, fisico, agonistico e mentale fra una squadra costruita e preparata nel tempo ed una debuttante improvvisata ed allenata per modo di dire. Capisco le difficoltà e l'inesperienza ma il miglioramento dall' inizio del campionato non c'è stato e valutando i risultati sul campo si nota il contrario. A questa squadra mancano i fondamentali del calcio ed un corso da Rambo, il minimo per trasformare queste belle e simpatiche "signorine" in cattive maschiacce. Caro Presidente questo insegnamento non è stato in grado di darlo ne il primo allenatore, ne i due assieme, ne il secondo e quindi ci aspettiamo quanto prima un Mister che possa insegnare loro almeno le prime nozioni di tecnica calcistica, le posizioni in campo ed i movimenti da fare.  Tutto questo andrebbe fatto in queste ultime gare di campionato perché sarebbe utile capire se anche le stesse atlete o parte di esse, aldilà dei risultati e del maestro, meritano la bocciatura diretta o la ripartenza di Settembre. Per completare il giudizio, non posso esimermi dal suggerire al Presidente di far pulizia anche tra lo staff dirigenziale e più precisamente verso quegli illusi latin lover che con tanto entusiasmo avevano dato adesione a seguire la squadra magari immaginando secondi scopi, e che, al venir meno di questi, hanno dimenticato il loro primario impegno sociale. Ora resta il solo obiettivo di non finire all'ultimo posto in classifica e questo si può ottenere con un risultato positivo nel prossimo incontro  contro la Lauretana. Si svolgerà a Loreto, suggerisco di partire una oretta prima e pregare alla Basilica. Non è certo che servirà per l'esito della gara ma un esame di coscienza, un atto di dolore ed una preghiera non ha fatto mai male.

Pierpiero